Il Cheratocono

 

Il cheratocono è un’alterazione della curvatura della cornea, che induce astigmatismo irregolare, spesso associato a miopia.

Può essere bilaterale e manifestarsi nei due occhi in tempi diversi. È un disordine lentamente progressivo, che può impiegare alcuni anni per svilupparsi e che può arrestarsi in qualsiasi stadio della sua evoluzione.

Il cheratocono è una condizione non infiammatoria della cornea. Si evidenzia con un progressivo assottigliamento in un’area corneale che subisce una trasformazione: dalla normale forma a cupola ad una forma a cono. Il nome ‘cheratocono’ deriva infatti dal greco ‘kerathokonus’ e significa ‘cornea conica’.

La cornea è una struttura trasparente a forma di cupola che ricopre l’occhio. Insieme al cristallino, la cornea è responsabile della messa a fuoco delle immagini provenienti dall’esterno. Un’anormalità della cornea o un’alterazione della sua superficie possono determinare disturbi importanti nel modo in cui vediamo il mondo.

Le cause

Il cheratocono è conosciuto sin dall’antichità ed è stato ben descritto dalla metà del XIX secolo, ma le cause che portano al suo sviluppo rimangono tuttora oscure. Tra le possibili cause:

  • fattori ereditari o genetici
  • alterazioni metaboliche dell’organismo, soprattutto di tipo vitaminico ed endocrino, che alterano il tessuto corneale;
  • si può presentare in associazione con alcune rare affezioni, incluse alcune malattie allergiche autoimmuni, la sindrome di Down, la sindrome di Ehlers-Danlos, la sindrome di Marfan, la distosi craniofacciale e la osteogenesi imperfetta (tutte condizioni di origine genetica);
  • è stato ipotizzato che anche strofinarsi eccessivamente gli occhi possa giocare un discreto ruolo in questa patologia.

 

E’ necessario raccogliere informazioni particolarmente accurate sulla condizione generale di salute del paziente affetto da cheratocono, con l’obiettivo di identificare eventuali disfunzionalità o comportamenti che possono avere un’influenza negativa sulla sua condizione visiva.

CHERATOCONO

I sintomi

I sintomi del cheratocono sono dati dalla forma a cono che la cornea assume, che porta a:

  • visione sfuocata;
  • immagini distorte;
  • progressiva impossibilità di correzione del difetto visivo con occhiali;
  • elevata sensibilità alla luce;
  • difficoltà alla guida notturna (aloni);
  • mal di testa ed affaticamento visivo;
  • irritazione oculare.

 

La progressione della malattia, invece, prevede:

  • un aumento della miopia e dell’astigmatismo;
  • difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti da tutte le distanze;
  • un’acuità visiva inferiore durante le ore notturne;
  • opacità corneale (data da un avanzamento veloce della patologia e dalla formazione di cicatrici sulla cornea).

 

Il segno caratteristico del cheratocono è l’astigmatismo irregolare, in cui gli assi del difetto visivo non sono perpendicolari tra loro e la sua presenza conferma la diagnosi per questa patologia.

Cheratocono

La diagnosi

La presenza di astigmatismo irregolare viene considerata un segnale d’allarme per il cheratocono.

Gli esami per verificarne la presenza sono:

  • esame della vista (misurazione del visus);
  • topografia corneale;
  • esame con lampada a fessura;
  • pachimetria corneale;
  • cheratometria.

È possibile sottoporsi a questi esami prenotando un check-up refrattivo, utile anche a verificare la presenza di patologie oculari e la candidabilità alla chirurgia per la correzione dei difetti visivi.

TOPOGRAFO

Il trattamento

Le tecniche per la cura del cheratocono e per migliorare l’acuità visiva in pazienti con cheratocono includono:

  • l’uso di occhiali
  • applicazione di lenti a contatto di varia natura
  • impianto di anelli corneali intrastromali (INTACS)
  • il cross linking della cornea con riboflavina
  • il laser per rimuovere cicatrici o noduli all’apice del cheratocono
  • nei casi più gravi il trapianto di cornea lamellare o perforante a tutto spessore.

 

La topografia corneale nel cheratocono è essenziale per stabilire quale sia la cura più indicata.

PONTICELLO EYE CLINIC LOGO

PONTICELLO EYE CLINIC

La tua scelta per la salute della vista

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA

I nostri specialisti sono a tua disposizione per valutare la soluzione più adatta ai tuoi problemi

Eye Clinic Blog

visita-oculistica-prescolare

Visita oculistica prescolare: i controlli visivi dell’età pediatrica

La visita oculistica prescolare è una tappa importante nella valutazione dello stato di salute dell’apparato visivo del bambino.
Questa visita dovrebbe essere effettuata ai 3 ed ai 5-6 anni di età in occasione dell’accesso alla scuola dell’infanzia ed alla scuola primaria ed assume una duplice valenza: grazie ad essa si possono infatti identificare eventuali patologie specifiche dell’apparato visivo ed individuare l’insorgenza di difetti visivi che tipicamente si manifestano in questo periodo.

Leggi Tutto »
MACULOPATIE

Maculopatia: dai sintomi al trattamento

La maculopatia generalmente si presenta dopo i 55 anni e rappresenta la principale causa di cecità legale nel mondo occidentale. Può presentarsi in due forme diverse, quella atrofica e quella essudativa, che andremo ad analizzare un po’ più nel dettaglio.
La maculopatia atrofica o secca è caratterizzata da una evoluzione lenta e meno aggressiva mentre quella essudativa o umida è più aggressiva e ad evoluzione più rapida.

Leggi Tutto »
glaucoma

Il glaucoma: il ladro silenzioso della vista

Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico ed è causata, nella maggioranza dei casi, da un’eccessiva pressione intraoculare. Nell’occhio affetto da glaucoma si producono infatti una compressione ed uno schiacciamento del nervo ottico che causano un’alterazione del campo visivo che tende progressivamente a restringersi.

Leggi Tutto »

Per informazioni

    PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA

    I nostri specialisti sono a tua disposizione per valutare la soluzione più adatta ai tuoi problemi

    Condividi questa pagina!

    Facebook
    Twitter
    LinkedIn