Visita oculistica prescolare: i controlli visivi dell’età pediatrica

visita-oculistica-prescolare

In questo articolo

La visita oculistica prescolare è una tappa importante nella valutazione dello stato di salute dell’apparato visivo del bambino.

Questa visita dovrebbe essere effettuata ai 3 ed ai 5-6 anni di età in occasione dell’accesso alla scuola dell’infanzia e alla scuola primaria ed assume una duplice valenza. Grazie ad essa si possono infatti identificare eventuali patologie specifiche dell’apparato visivo ed individuare l’insorgenza di difetti visivi che tipicamente si manifestano in questo periodo.

Come da indicazioni istituzionali queste visite fanno parte di un programma di screening completo che è possibile eseguire interamente presso la Ponticello Eye Clinic. Presso il nostro centro è infatti possibile seguire il bambino dalla nascita all’età adolescenziale con visite programmate ed esami strumentali mirati.

Lo screening in occasione dell’inizio scuola

Ai 3 anni di età, all’ingresso alla scuola dell’infanzia, è consigliata una visita oculistica anche se il bambino non lamenta disturbi.
La visita è infatti indispensabile per identificare eventuali deficit visivi, diagnosticare un’eventuale ambliopia (il cosiddetto “occhio pigro” descritto in questo articolo) e intraprendere il trattamento necessario in tempo utile.

L’atro appuntamento prescolare è a 5-6 anni, in concomitanza con l’inizio della scuola primaria.
A questa età i difetti visivi vanno tempestivamente corretti per assicurare la migliore acuità visiva possibile e per gestirne al meglio l’evoluzione.
Disturbi come miopia ed astigmatismo, ad esempio, possono infatti avere esordio in questa fascia di età.

oculistica-pediatrica
Come avviene la visita

La visita oculistica pediatrica viene effettuata dai nostri oculisti specializzati in ambito pediatrico, supportati da un’equipe di ortottisti. La visita comprende:

 

L’esame della vista ha una durata di circa 20 minuti e comprende:

  • Esame dell’acuità visiva: lettura di ottotipi (tavole) composti da figure, lettere o simboli in modo che il test sia eseguibile dal bambino. In questo test è fondamentale che entrambi gli occhi vedano in ugual misura. Se i due occhi hanno una capacità visiva differente potrebbe essere presente un’ambliopia (occhio pigro) o dei difetti refrattivi non corretti (ipermetropia, miopia, astigmatismo).
  • Cover-test: indagine svolta a carico di entrambi gli occhi al fine di diagnosticare la presenza di un eventuale strabismo (disallineamento oculare).
  • Stereopsi: valutazione della percezione del senso di profondità.
  • Motilità oculare estrinseca: valutazione dell’escursione dei bulbi oculari nelle differenti posizioni di sguardo.
  • Convergenza oculare: capacità di mantenere gli assi visivi allineati osservando un oggetto in avvicinamento.
  • Autorefrattometria statica o dinamica: test eseguito al fine di evidenziare la possibile presenza di difetti refrattivi (ipermetropia, miopia, astigmatismo).
visita-pediatrica
Le tappe delle visite oculistiche in età pediatrica

Come anticipato in precedenza, le visite oculistiche in età pediatrica sono scadenzate in base a precise tappe evolutive e vengono eseguite:

  • Nei giorni successivi al parto per i neonati che all’esame di screening effettuato dal pediatra presso il Nido ospedaliero risultino sospetti per una patologia oculare importante come la cataratta congenita, il retinoblastoma, il glaucoma congenito o difetti refrattari elevati.
  • Entro il primo anno di vita nei nati pretermine, sia che sviluppino o meno la retinopatia del prematuro. In questi piccoli pazienti il rischio di sviluppare difetti visivi e strabismo è infatti maggiore rispetto ai nati a termine.
    Necessitano di una visita specialistica entro l’anno di età anche i figli di madri che hanno contratto malattie durante la gravidanza (quali la toxoplasmosi o la rosolia), i bambini con familiari affetti da malattie retiniche di carattere ereditario ed i bambini ai quali il pediatra riscontri (dopo i 6 mesi) un’anomalia nei movimenti oculari o deviazioni strabiche che possano essere associate o meno a difetti refrattivi.

Bambini con epifora (incompleta apertura del dotto lacrimale).

  • Al terzo anno di vita
  • A 5-6 anni di età.
  • A 8 anni, età dove spesso si presenta la miopia cosiddetta “scolare”. Successivamente proseguire con visite oculistiche periodiche a seconda delle indicazioni fornite dall’oculista.
Dottssa Angela Tindara Sframeli

Dottssa Angela Tindara Sframeli

Oculista e oculista pediatrica presso Ponticello Eye Clinic

PONTICELLO EYE CLINIC LOGO

Nasce Ponticello Eye Clinic, la nuova clinica oculistica a Massa.

L’evoluzione del reparto oculistico di Centro Medico Ponticello dispone ora di 300mq ed è dotata delle più avanzate tecnologie diagnostiche e di una sala operatoria di prim’ordine.

>> leggi di più

Centro Medico Ponticello è il più grande centro specialistico dell’Alta Toscana dedicato alla prevenzione, alla riabilitazione e alla salute di tutta la famiglia. 

>> leggi di più

Ultimi articoli:

visita-oculistica-prescolare

Visita oculistica prescolare: i controlli visivi dell’età pediatrica

La visita oculistica prescolare è una tappa importante nella valutazione dello stato di salute dell’apparato visivo del bambino.
Questa visita dovrebbe essere effettuata ai 3 ed ai 5-6 anni di età in occasione dell’accesso alla scuola dell’infanzia ed alla scuola primaria ed assume una duplice valenza: grazie ad essa si possono infatti identificare eventuali patologie specifiche dell’apparato visivo ed individuare l’insorgenza di difetti visivi che tipicamente si manifestano in questo periodo.

Leggi Tutto »
MACULOPATIE

Maculopatia: dai sintomi al trattamento

La maculopatia generalmente si presenta dopo i 55 anni e rappresenta la principale causa di cecità legale nel mondo occidentale. Può presentarsi in due forme diverse, quella atrofica e quella essudativa, che andremo ad analizzare un po’ più nel dettaglio.
La maculopatia atrofica o secca è caratterizzata da una evoluzione lenta e meno aggressiva mentre quella essudativa o umida è più aggressiva e ad evoluzione più rapida.

Leggi Tutto »
glaucoma

Il glaucoma: il ladro silenzioso della vista

Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico ed è causata, nella maggioranza dei casi, da un’eccessiva pressione intraoculare. Nell’occhio affetto da glaucoma si producono infatti una compressione ed uno schiacciamento del nervo ottico che causano un’alterazione del campo visivo che tende progressivamente a restringersi.

Leggi Tutto »

Per informazioni

    0585 41847

    SELEZIONE 2 - AMBULATORI MEDICI

    I nostri specialisti saranno a tua disposizione per valutare la soluzione più adatta ai tuoi problemi

    Condividi questa pagina!

    Facebook
    Twitter
    LinkedIn